Benvenuti su Postarelibero.com

domenica 22 agosto 2010

Notte della Taranta Melpignano 2010


Notte della Taranta a Melpignano 2010: vieni a ballare la pizzica in Puglia
CONCERTONE FINALE
SABATO 28 AGOSTO MELPIGNANO
PIAZZALE EX CONVENTO DEGLI AGOSTINIANI
INIZIO ORE 19.30

Sabato 28 agosto, nel piazzale dell’ex Convento degli Agostiniani a Melpignano, l’Orchestra popolare La Notte della Taranta, diretta dal pianista e compositore piemontese Ludovico Einaudi, proporrà i brani classici della musica popolare salentina tra suoni tradizionali ed elettronica. L’orchestra è composta da oltre venti tra musicisti (tamburelli, percussioni, batteria, fiati, chitarre, mandola, violini, viola, violoncello, organetto e fisarmonica) e cantanti. Sul palco, per l’evento finale, si alterneranno alcuni ospiti speciali che si cimenteranno con i brani della tradizione: la cantante portoghese Dulce Pontes, considerata una delle più fulgide stelle della world music e tra le maggiori e innovative interpreti di tradizione fadista; la cantante greca Savina Yannatou, che nel corso della sua carriera si è mossa tra musica tradizionale, medievale, rinascimentale e barocca, fino a scoprire un grande amore per l’improvvisazione vocale, il jazz, l’avanguardia; il dj e polistrumentista turco Mercan Dede, che da anni sperimenta la fusione di elettronica e tradizione folklorica del suo paese, riuscendo a trasporre in musica la filosofia Sufi dell’armonia degli opposti; i salentini Sud Sound System, che tornano sul palco di Melpignano con la loro carica reggae; Les Tambours Du Burundi, un ensemble di danzatori e percussionisti considerato nel mondo l’ambasciatore della cultura burundese e del tamburo; i Taraf de Haïdouks, ensemble composto da voci, violini, fisarmoniche, cimbali, contrabbasso e clarinetto, che prende il suo nome dagli antichi banditi della Romania feudale, ancora oggi considerati simbolo di libertà e giustizia sociale; Ballaké Sissoko, strumentista di gran talento, proveniente da una famiglia di griot maliani, considerato tra i più grandi interpreti della kora del suo paese.

Il Concertone di Melpignano sarà aperto, come da tradizione, dai versi di Pierluigi Mele, poeta, autore e regista teatrale, e vedrà anche l’esibizione di Joe Petrosino & Rockammorra, vincitore del concorso Note per la Notte, dedicato a giovani band che rielaborano la musica popolare, realizzato in collaborazione con il Meeting delle Etichette Indipendenti nell’ambito del progetto La Taranta nella Rete. Subito dopo, sul palco Uccio Aloisi, fondamentale riferimento per tutti coloro che intendono avvicinarsi alla musica di tradizione orale salentina, affiancato dal gruppo Robba de Smuju e gruppi di cantori tradizionali.

NOTA DI LUDOVICO EINAUDI
La prima volta che ho sentito parlare del fenomeno del tarantismo risale ai miei vent'anni, ai tempi in cui studiavo al conservatorio e parallelamente coltivavo letture tra le più disparate, saggi in qualche modo correlati alla musica. Tra questi ricordo un bel capitolo del libro di Gilbert Rouget, "Musica e Trance", dedicato al fenomeno del tarantismo salentino. L'autore analizza le varie interpretazioni intorno al rito di esorcismo nonché allo stato di possessione che colpiva prevalentemente le donne, in quanto durante la stagione della mietitura, le raccoglitrici di grano erano maggiormente esposte al rischio di essere morsicate dalla tarantola. Una volta morsicate sprofondavano in uno stato di grande malessere, crisi isteriche convulsive e turbe emotive che si ripresentavano ciclicamente ogni anno all'inizio dell'estate. La cura della "tarantata" veniva effettuata da un gruppo di persone attraverso un complesso rito terapeutico a base di musica, danza e uso dei colori, che si svolgeva a casa della vittima e durava non meno di tre giorni. Sulle note ritmiche delle "pizziche", la "tarantata" si abbandonava a una danza concitata, che la induceva in uno stato di trance liberandola dal malessere. Le pizziche, per chi non lo sapesse, sono musiche basate su un ritmo molto incalzante, sostenuto principalmente dal tamburello, strumento “re” della zona, con il quale i salentini nei secoli hanno affinato una tecnica magistrale molto caratteristica. Gli altri strumenti coinvolti nel rito erano soprattutto il violino, l'organetto e la chitarra. Poi naturalmente una variazione illimitata di invocazioni si accompagnava all’esorcismo: “Addo' ti pizzico' la tarantella? sotto la putia de la 'unnella”, con anche invocazioni a San Paolo, santo protettore dei “pizzicati”: “O Santu Paulu meu delle tarante che pizzichi le caruse tutte quante (...) e le fai sante…”

Non starò a dilungarmi sull'argomento che si può approfondire leggendo il bellissimo libro di Ernesto De Martino, "La terra del rimorso", invece vorrei raccontare qualcosa della mia esperienza personale in veste di Maestro Concertatore della Notte della Taranta 2010, concerto conclusivo dell’omonimo festival, che come sempre si terrà a Melpignano (Lecce), quest'anno in data 28 agosto. Partecipare a questo progetto è stata una straordinaria occasione per immergermi negli infiniti meandri della musica salentina. Rileggere e interpretare un repertorio popolare non è cosa semplice, si pongono molte considerazioni. La prima per me è stata sicuramente quella del rispetto del materiale di partenza, del cercare di capire quali sono gli elementi che caratterizzano quel linguaggio, e limitare l'ambito creativo all'interno di quelle regole. Faccio un esempio architettonico: se devo costruire una nuova porta in un edificio dove tutte le altre porte hanno la volta, cercherei di progettare una porta con la volta. Avere dei limiti è sempre molto interessante, si scopre con grande meraviglia che con pochi elementi si possono realizzare architetture incredibili. E proprio l'architettura del Salento è stata per me grande fonte d’ispirazione. Ascoltando le registrazioni effettuate sul campo negli anni ‘60, sia nelle case private che in campagna, ho percepito un colore che mi riportava all'intensità della terra, della pietra spaccata dal sole, dei muretti a secco che tratteggiano i campi di ulivi, delle splendide masserie, degli antichi palazzi-fortezza che ovunque ornano il paesaggio. Così come nel restauro di un edificio si rimuovono le mura costruite in epoche recenti per ripristinare quelle originali, così ho cercato di ritrovare un suono che restituisse il più possibile il colore che avevo colto in quegli ascolti. Ho cercato nelle voci quella tonalità aspra e graffiante, voci tese come ragnatele e affilate come coltelli, più vicine al medio oriente che alla tradizione napoletana.

Nella musica salentina ci sono alcuni elementi molto complessi, melodie con modi arcaici e ritmi che spostano il battere col levare. Altri elementi, come l'armonia, sono più lineari, spesso dettati dalla natura stessa degli strumenti, come l'organetto, ma assolutamente efficaci nella loro semplicità. Naturalmente ogni rilettura di un repertorio, come la traduzione di un libro, deve tradire qualcosa dell'originale, per restituire una chiave contemporanea di lettura che lo renda attuale, vivo e accessibile al mondo in cui viviamo. La mia chiave di lettura è stata quella di cercare di mettere in rapporto questa musica con le forme che si sono sviluppate in anni recenti nell'ambito della musica elettronica, del minimalismo e della trance, sottolineandone le antiche radici comuni. Ho visto nella Notte della Taranta l’essenza dei raduni giovanili moderni, un grande rito con decine di migliaia di persone che si abbandonano al ritmo, al canto e alla danza. C'e una frase di un musicista marocchino, alla fine del capitolo sul tarantismo del libro di Rouget, che rappresenta molto chiaramente ciò che intendo, "credo nel valore liberatorio della trance attraverso la musica, non più per esorcizzare gli spiriti del male, bensì, simbolicamente, gli spiriti del XX secolo". Ma non solo, questo evento è una grandissima festa popolare, un'occasione unica dove tutte le generazioni si ritrovano unite a celebrare il loro legame di appartenenza con questa antica terra ricchissima di storia e di cultura, e che attraverso la sua rilettura ci aiuta a ritrovare i nostri migliori valori. Fonte: http://www.lanottedellataranta.it/festival.php

0 commenti:

Post Correlati

Archivio blog

Blogitalia

Feed XML offerto da BlogItalia.it BlogItalia.it - La directory italiana dei blog http://www.wikio.it